Trasparenza

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L’INTEGRITÀ (PTTI)

 

Nel presente documento é riportato il programma triennale per la trasparenza e l’integrità (PTTI) ai sensi dell’Art.10 del D.L.vo 33/2013 (d’ora in avanti “decreto”), della delibera n. 430 del 13 Aprile 2016 dell’ANAC e del D.lgs n. 97 del 2016, valido per il triennio 2021-2023.

Il Programma si articola nei punti che seguono.

 

1)        PRINCIPI ISPIRATORI

Il PTTI si ispira ai seguenti principi:

  • accessibilità totale”, come comportamento proattivo della scuola che, preventivamente, pubblica e rende accessibili le informazioni riguardanti l’organizzazione, il funzionamento e le attività sviluppate dalla scuola, con la sola restrizione riguardante i dati sensibili e giudiziari di cui all’Art. 4, comma 1, lettere “d” ed “e” del D.L.vo 196/2003;
  • la trasparenza corrisponde alla nozione di “livello essenziale di prestazione” di cui all’Art. 117, lettera “m”, della Costituzione, conseguentemente rappresenta non soltanto una “facilitazione” all’accesso ai servizi erogati dall’Istituto ma è essa stessa un servizio per il cittadino;
  • la trasparenza costituisce un presidio imprescindibile nella prevenzione della

 

2)        IL RESPONSABILE DELLA TRASPARENZA

Il responsabile di cui all’Art. 43 del decreto è il dirigente scolastico pro tempore. Nominativo e contatti del responsabile sono pubblicati e aggiornati nella sezione “amministrazione trasparente” e in altri spazi del sito web.

 

3)        INTEGRAZIONE

Per quanto sopra la trasparenza, e con essa il PTTI, mantiene profonde connessioni con:

  • il Piano della performance ex Art. 10 D.L.vo 150/2009;
  • il Piano di prevenzione della corruzione ex Art. 1, commi 7, 8,9 e 59 della L. 190/2012 pubblicato dall’Ufficio Scolastico Regionale;
  • gli interventi normativi e organizzativi volti a favorire la dematerializzazione degli atti amministrativi e la digitalizzazione dei flussi informativi (D.L.vo 82/2005; L. 4/2004; L. 69/2009).

 

4)          OBIETTIVI STRATEGICI

Gli obiettivi strategici del programma sono:

  • aumentare il numero degli accessi al sito della scuola;
  • diminuire il numero delle comunicazioni verso l’esterno per chiamata diretta, avvisi cartacei ;
  • diminuire il numero delle istanze interne ed esterne e le richieste di informazioni per presenza diretta o per telefono/fax degli interessati;
  • aumentare l’impiego della PEO e della PEC per le istanze degli utenti;
  • aumentare nelle comunicazioni interne, l’impiego di cartelle condivise e posta elettronica;
  • diminuire la quantità di documenti prodotti su supporto cartaceo a favore della conservazione in formato digitale;
  • ridurre i tempi e i costi delle filiere amministrative e informative;
  • aumentare il grado di soddisfazione degli utenti;
  • innalzare il livello di prevenzione di comportamenti anomali.

 

5)          COINVOLGIMENTO di Tutti i soggetti, individui od organizzazioni, attivamente coinvolti nella attività dell’Istituto (STAKEHOLDER)

L’organizzazione scolastica, stante la presenza degli organi collegiali di cui alla parte prima, titolo 1° del D.L.vo 297/1994, è strutturalmente predisposta per l’interfacciamento con gli stakeholder; sia interni che esterni. Conseguentemente gli Organi Collegiali rappresentano il luogo privilegiato ove si realizza l’elaborazione, l’attuazione e la manutenzione del PTTI.

Per favorire quanto sopra:

  • l’atto di indirizzo e la proposta di PTTI, a cura del responsabile, viene trasmessa con congruo anticipo, rispetto alla seduta di adozione, a tutti i membri del consiglio d’istituto;
  • negli O.d.G. delle sedute degli organi collegiali, è inserito il seguente punto: stato di attuazione del Programma Triennale per la Trasparenza e l’Integrità.
  •  

6)          LA SEZIONE “AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE”

Uno dei propulsori maggiori della rete e del processo della trasparenza è la sezione AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE”, (Art. 9 del decreto), raggiungibile dal Sito Istituzionale dell’Istituto; a tale riguardo:

  1. la sezione è strutturata in conformità con le prescrizioni contenute nell’allegato A al decreto;
  • il responsabile della trasparenza cura e monitora il flusso delle informazioni sulla sezione;
  1. ciascun operatore scolastico è personalmente impegnato a:
  • ridurre la produzione documentale su supporto cartaceo a favore di quella digitale;
  • utilizzare cartelle condivise, indirizzi di posta elettronica e ogni altra soluzione tecnologica in grado di migliorare l’interconnessione digitale;
  • consultare assiduamente il sito della scuola per ricevere e fornire le informazioni sul funzionamento dell’istituto;
  • il dirigente scolastico e il DSGA forniscono le informazioni necessarie affinché tutti i soggetti produttori/elaboratori di informazioni diventino progressivamente sempre più autonomi nel pubblicare le predette informazioni nelle sezioni di competenza, anche con l’ausilio di strumenti tecnologici in grado di interfacciarsi direttamente con le varie sezioni della sezione Amministrazione Trasparente del sito Istituzionale.

 

7)      OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE DELL’ ISTITUTO

Nell’ allegato 2 della delibera n. 430 del 13 Aprile 2016 dell’ANAC, sono specificati Ambiti, Tipologie di dati, denominazione e tempi di aggiornamento degli obblighi di pubblicazione sulla sezione AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE E ALBO PRETORIO dell’ISTITUTO.

L’allegato 2 è parte integrante del presente documento.

 

8)   DIFFUSIONE DEL PTTI e DELLA SEZIONE “AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE”

Il presente Programma e l’uso della sezione “amministrazione trasparente” vengono favoriti e diffusi:

  • mediante pubblicazione nel sito web della scuola;
  • discussione nell’ambito degli Organi Collegiali;
  •  

PTTI – Piano triennale trasparenza e integrità 2021/2023 

 

 

ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI
APPLICAZIONE ALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE